Introduzione alla chiave di FA e la lettura delle note

Trascrizione testuale lezione

La chiave di Fa è un simbolo posto all’inizio del pentagramma che serve a stabilire l’altezza delle note. Ha il centro sulla quarta linea del pentagramma contando dal basso verso l’alto e si utilizza per il registro grave del pianoforte, tant’è che prende il nome di chiave di basso.

La chiave di Fa serve proprio ad individuare la nota Fa e la individua tramite due punti situati attorno alla quarta linea e che circondano la quarta linea. In pratica, la nota circondata dai due punti è un Fa, nello specifico il Fa che sta al di sotto del Do centrale.

Per scrivere la chiave di Fa si inizia con un punto spesso sulla quarta linea del pentagramma. Si prosegue con una spirale che va a raggiungere la quinta linea senza superarla, scende e più o meno alla stessa altezza del punto iniziale va a intersecare la seconda linea del pentagramma. La spirale continua ma non raggiunge la prima linea del pentagramma. In aggiunta a questo simbolo ci sono i due punti, uno sopra e uno sotto la quarta linea. La posizione di questi due punti è particolarmente importante, perché storicamente esisteva anche la chiave di baritono che li aveva in una posizione diversa. I due punti devono stare precisamente sotto e sopra la quarta linea, sul terzo e quarto spazio.

Per ricavare tutte le note in chiave di Fa si può utilizzare un piccolo trucchetto: partendo dalle note in chiave di Sol, si aggiungono due note. Ad esempio, se in chiave di Sol abbiamo un Mi, aggiungendo due note otteniamo Sol Mi Fa, quindi il Sol è la stessa nota che in chiave di Fa è un Mi. In questo modo è possibile ricavare facilmente tutte le note sulle linee e sugli spazi in chiave di Fa.

Al pianoforte si utilizzano generalmente due pentagrammi invece di uno solo, poiché le due mani sono in grado di suonare note diverse contemporaneamente, a differenza di altri strumenti come chitarra o violino dove ogni mano ha un ruolo distinto nella produzione del suono. I due pentagrammi consentono quindi una migliore lettura e suddivisione delle note tra le due mani.

Il pentagramma superiore utilizza la chiave di Sol, per il registro acuto, ed è destinato principalmente alla mano destra. Il pentagramma inferiore utilizza la chiave di Fa, per il registro grave, ed è per la mano sinistra.

È importante notare che il primo taglio addizionale per entrambi i pentagrammi è il Do centrale. Questo permette di avere continuità tra i due pentagrammi: partendo dal Do in chiave di Fa si può procedere verso l’alto fino a raggiungere il Do centrale, che è anche il primo taglio addizionale del pentagramma superiore, da cui si può poi continuare ancora verso l’alto. I due pentagrammi sono quindi complementari e consentono di coprire l’intera estensione della tastiera.

Questa combinazione di un pentagramma con chiave di violino e uno con chiave di basso prende il nome di endecalineo. I due pentagrammi uniti da una graffa formano un’accollatura. L’endecalineo sfrutta al meglio le diverse chiavi per minimizzare i tagli addizionali e rendere più facile la lettura delle note.

In sintesi, la chiave di Fa serve per il registro grave del pianoforte e individua la nota Fa. Insieme alla chiave di Sol dell’endecalineo, permette di coprire tutta l’estensione del pianoforte con i due pentagrammi, rendendo più semplice la lettura delle note rispetto all’uso di una sola chiave. Il trucchetto di aggiungere due note consente di ricavare facile le note in chiave di Fa partendo da quelle in chiave di Sol. I due pentagrammi sono complementari grazie al Do centrale in comune e consentono la lettura delle note per la mano sinistra e destra rispettivamente.

Dispense

PDF- Introduzione alla chiave di FA e la lettura delle note

Lezioni correlate su Pianosolo.it

https://www.pianosolo.it/leggere-in-chiave-di-fa-chiave-di-basso/

Discussioni sul gruppo Studenti di Pianosolo Maestro

Nessuna discussione ancora a riguardo. Chiarisci i tuoi dubbi con il tutor nel gruppo studenti.

My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.